SANITA'
VERNACOLO
CURIOSITA'
CROCE
FOTO BASSO PIAVE

Modi di dire vernacolari

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z       AGGIUNGI UN MODO DI DIRE

Modi di dire Significato  
     
A    
A carità è mèio farla che domandarla Piuttosto di aver bisogno di qualcuno,meglio non chiedere nulla.  
Al primo colpo, no casca l'albero Necessita  più interventi,per portare a termine un progetto o un lavoro.  
A to'a e a leto no se porta rispeto. A tavola e a letto ognuno fa quello che gli pare  
Andàr de zotegòn...
Camminare zoppicando. In senso lato, avere una mancanza.  
Aver i galtoni Avere gli orecchioni  

Aver e sudarioe

Sudar freddo a fronte di stuazioni emotive o esistenziali particolarmente incontrollabili.  
B    
Basa banchi ma ciàva santi
Persona che sembra un santo in realtà è il contrario.  
Bàta bròche  Tremare dal freddo  
Bronza querta Persona fa le cose di nascosto  
Brut come un spègaz Cosa o persona orrenda.  
C    
Campa caval che l'erba crese Ci vorrà del tempo prima che qualcosa si verifichi  
Can no magna can Tra uguali non ci si danneggia,i "forti" anche se si combattono non affondano i colpi,il loro motto è forti con i deboli  
Caval bianco e bea mujèr,dà sempre pensièr. Le cose belle ed esclusive possono creare qualche pensiero.  
Chi ha zuche no a porzei Chi è baciato dalla fortuna non sa cogliere l'occasione.  

Chi te vol ben,el te ziga drio,chi te vol ma te ride drio

Non sempre chi ti sgrida lo fa per castigarti,invece chi ti deride,non ti fa notare gli errori.  

Chi zèrca un amigo senza difeti,el resta senza amigo.

Chi pretende trovare un amico in base alle proprie esigenze,resta senza un amico  
Ciapar el 'uz espressione che si usava per indicare quando nel saltare un fosso si cadeva dentro, bagnandosi almeno una gamba.  
Ciapar na siroca Prendere una ubriacatura.  
Ciuciàr a mescoea Leccare il mestolo,indica chi rimane a bocca asciutta.  
Col fredo te a e man arse co e sciopadure Con il freddo hai le mani secche con i tagli (o screpolature)  
Co'  'nà cantàa de imbriàgo "Con niente". Es. pagare uno " co nà cantàa de imbriago", significa non dargli niente o quasi.  
Co' nà fememena a te fa e careze,o te a fata.o a te a farà. Quando una donna all'improvviso di fa le coccole,significa che ti ha combinato qualcosa o è in procinto di combinare qualcosa  
Co'  'sti impiànti no se mete sù pignàta Espressione che sta a indicare che per ottenere qualcosa è necessario programmare.  
Co' sti bò no se ara Con questi buoi non si ara,non ci sono possibilità di concludere qualcosa (nello sport nella vita etc..)  
Co se dorme co Bastian se no l'e ancuo l'e doman.. Detto desunto dal menage familiare per dire,prima o dopo capita.  
Conzàr a saeàta Condire l'insalata  
   
Dàe man de dio no se scampa Dalle mani del nostro signore non si scappa,interpretazione soggettiva.  
Dar na cresemàda Redarguire severamente/punire corporalmente,deriva dal gesto del Vescovo al cresimando.  
Da un talpon(albero insignificante) anca se teo incalma no nase mai pomi Nulla a pretendere in ogni caso è fatto così.  
Dejcàto come e tete dee mòneghe
Non serve spiegazione ... suscettibile.  
De russ o de struss. In una maniera o nell'altra.  
De salti de simia,no se vive Per vivere,ci vuole più impegno.   
Dio li fa e 'pò li compagna.. Nel bene e nel male chi si sceglie si assomiglia  
Dove vatu senza ombrèa Se si pensa di non bagnarsi quando piove..per raggiungere uno scopo bisogna attrezzarsi.  
E    
E a prima paroea che fa l'affar Le cose che vanno per le lunghe difficilmente vanno in porto  

"El bo da fora" e "El bo da man"

Il bue di sinistra, Il bue di destra.Talvolta alcuni soggetti bovini erano idonei a trainare sia sul lato dx, sia su quello sinistro.

 
El càn de do paròni more de fame. Non sempre l'equilibrismo aiuta,spesso è dannoso.  
El cason de lopa Sta per identificare un capanno o casone fatto di ramaglie.  
El diàvoeo el fa e tece ma no i cuèrci..    
El m'à tirà na petenada ,Quando ci viene presentato un conto troppo elevato  
El lupo nol magna  'e stajon Prima o dopo arrivano sia il freddo che il caldo  
El sol magna 'e ore Affermazione, che stà a significare che il tempo passa veloce.  
E sol tardi che esce i moscardi. Sta a dire che alla sera escono i giovantti in cerca di....prede. Espressione dell'agro Eracleense  
El travesòn l'è da giustar e da pasarghe e busete Il grembiule è da rammendare e ripassare le asole  
...esser in gamba alta... Essere instabile,prossimo alla caduta(..detto di tutte le situazioni economiche e di vita vicine alla rovina..)  
..esser fortunà come un can..in cesa Il massimo della sfortuna,infatti i cani non hanno...cittadinanza e vengono prontamente cacciati...  
F    
Fiòl de anema
Bambino che ha trascorso la sua infanzia,all'interno di un'altra famiglia che con i genitori naturali.  
Femene e bacaea pi che te e bati pi che e vien bone Donne e baccalà,più le batti più son buone  
G    
Ghe manca un boio Persona non completmente matura  

Ghe vol un fià de poegana (ci vuole un po di sovoir fare)

Di Evandro Dalla Serra

Poegana e' un termine scomparso dal nostro dialetto da un centinaio d'anni, sopravvive a trieste con lo stesso significato del basso piave e come "polegana" in sardegna dove pero' indica il polso ed il polsino.
Quindi quello che si dice a trieste " ci vuole tatto" diventa "ci vuole polso " in sardegna.E' in termini tecnici uno slavismo, dal serbo-croato "pola gano" (serve misura, necessita calma,serve astuzia) mentre nell'italiano si era diffuso "spolleccare" da cui l'aggettivo "spollecato" (senza misura,senza nutrimento, disossato nel senso di senza ossa, senza nervo) (vedi: La Tiorba a Taccone de Felippo Sgruttendio de Scafato. - Napoli : 1702. - Francesco Balzani e altri). Quanta strada ha fatto a piedi o a cavallo quella parola? partita da qualche parte della grecia si e' fermata in serbia e poi ha attraversato la penisola arrivando fino in sardegna per poi venir sostituita a napoli con " 'a cazzimma" a milano con " lo sgurz" e qui da noi con " ghe vol manego". Alle volte buttiamo via cose vecchie perche' sono vecchie e le sostituiamo con cose, e parole, piu' brutte.Mi pare un po' questo caso.

 
Gnanca se te brusa curàme Modo di dire,che significa che una cosa è quasi impossibile da ottenere.  
H    
Ho ciapà 'na spasemada Ho preso una paura vicino allo spasimo  
Ho da farghe a zonzea a me amiga Devo fargli da comare a mia amica  
Ho in dòs 'na pitòna... Espressione per dire che sono stanco,non ce la faccio più.  
I    
I doeori i è come i  schèi..chi li ha sii  tièn I dolori sono solo individuali chi li ha se li tiene.  
I fiòi vièn dal cuor el marìo,daea porta I figli nascono dal frutto dell'amore,il marito lo si trova in giro.  
Impiràte chèe papuze Mettiti le ciabatte  
In mancanza de cavài,anca i àseni trotta. Qualsiasi alternativa è valida,per risolvere una situazione.  
Insieme da putèi,da veci jè fradei. Un'amicizia da adolescenti,da anziani si rafforza ancor di più.  
I piteri dei fiori iè tutti scapài I vasi dei fiori son tutti sbeccati  
I pitùssi va drìo a còca  I pulcini seguono sempre la madre  
I schèi del viàn e i cojoni del can jè sempre in mostra
Non servono commenti..  
J    
K    
L    
L'amor no pol star scont. L'amore tra due persone,prima o poi è notato anche dagli altri.  
L'è come el cuc che el par no fiorisse, ma dopo el ne cuca Si diceva di un bambino che sembrava non crescere ma che sicuramente sarebbe diventato grande e grosso. Detto dovuto al fatto che il noce ha fiori talmente piccoli che quasi non si vedono.  
Le a un tiro de sciop da qua è qua vicino  
L'ha un stomego che'l pol digerir anca el curame Indica una persona che, anche per la fame atavica, mangia di tutto con ottimo appetito.  
L'ha na testa che non la magna gnanca i porzei Dicesi persona cocciuta,dalla testa dura.Il maiale notoriamente mangia tutto,ma non in questo caso.  
M    
Me amiga Gigia a è so femena de me barba Toni Mia zia Luigina è la moglie di mio zio Antonio  
Me madona à el coàrtor del lèt a buini Mia suocera hai il copriletto a puà  
Magnarse a cagneta Definizione di Evandro Della Serra

Spendere fino all'ultimo centesimo fino a rimanere senza un soldo

Modo di dire che indica "finire in rovina economica" prende spunto, secondo le mie ricerche. dalle vicende della seconda guerra mondiale, ve la racconto cosi' come la ho raccolta*:
Co e sciopa' a guera le riva' i todeschi , i m'ha dat do carte, i a mess do firme lori e una mi, un timbro e i sa' porta' via el muss,
ende crighe zuruc , i ma dit. 
Dopo un mese , do firme un timbro, un toc de carta, ende crighe zuruc e i m'ha ciava' i porzei
Dopo e passa' i fassisti, un toc de carta, do firme e i e ndai via co e gaine sotobraz.
Dopo e passa' i partigiani, un toc de carta, na firma un timbro fat con un suro brusa' e ciao formaiee saeami e fasioi.
Iere ciapa' neto bateo,
a giugno del quarantasinque riva el prete casa mia pa a questua, go dit,el varde piovan, mi ho tanta de che a fame che ma toca' magnarme a cagneta, el fae lu.. 
el m'ha benedio e l'ha tira' fora un vovo da a sporta, l'ha fat par darmeo e go dit, no no l'asse star, go conta' na baea, a cagneta no l'ho magnaa, la e' qua', vecia e massa magra e po che vui ben. 
Ben, el m'ha dit don francesco** : daghe un vovo al can, par na volta nol sara' peca. E ti magnighine naltro, ciapa.
Ara che preti cussi ghe ne nasse pochi pochi, sah?
*storia raccontatami da Mario Borin.
** Don Francesco Forlin , a cui e' intitolata una strada a san dona', frazione Grassaga,
 
Man zanca..a man zanca no parla mai co a destra. Il massimo della incomprensione!!!!  
Mai montar in sèa a un mus che deventa paròn Ricordarsi sempre da dove si viene  
Massa gaj che canta no riva mai matina. La concorrenza va bene, ma non sempre può aiutare  
Me fa mal e padèe Mi fanno male le scapole  
Me diòl e pùpoe Mi fanno male i polpacci  
Mèjo un asèno vivo che un dottor mort. Non sempre si può avere il meglio, bisogna accontentarsi.  
Mèjo un vovo uncùo che 'na gaìna domàn.
Meglio avere un poco ma sicuro oggi che una promessa di tanto nel futuro.  
Me mare sta matina à spicà e coltrine Mia madre stamattina ah sganciato le tende(della cusina)  
Me serve i ciapini pa ciapar a pignata Mi servono le presine per prendere la pentola  
Me serve na broda de acqua Mi serve una caraffa di acqua  
Merende che se rende Prima o poi i conti..tornano  
Metterse par scavaza Mettersi di (per) traverso..  
Momenti me scapuzèe Per poco non inciampo  
Muso duro barèta fracàda Sta per musone poco espansivo  
N    
Na mosca  ghe par un caval Sopravalutare a dismisura ogni cosa,mancanza di obiettività  
Nadàl un piè de gal Dopo natale le giornate si allungano di un pochino.  
Netarse ea boca ma sporcase el naso:fa e desfa. Uno che fa ora una cosa buona e nello stesso tempo il suo contrario.  
'ndar in giro de pitandòn Bighellonare altra espressione simile all'altra ...andar de sbrindoeòn ...o de sporzeòn....  
'ndàr in paradiso a dispèt dei santi Non si può volere ciò che tutti rifiutano  
'ndar par scavaza campi evitare le strade o i viottoli consueti per accorciare le distanze  
Nden trar Andare a caccia  
No aver e fasine al cuert Qualcuno che è un po squinternato/pazzerello  
No se pol destirarse de pì de quel che le longo el niziol No si può andare oltre delle proprie possibilità  
No sta cagàr soto 'a neve,se no te vol che a vegne scuèrta. Quando si vuole nascondere qualcosa,qualsiasi cosa essa sia l'importante è nasconderla in un posto sicuro.  
No sta meta el caro davanti ai bò Non tirare conclusioni affrettate.  
No stà parlar a vanvera Non parlare per niente o fuori luogo,ma dovete sapere che la "Vanvera" è un oggetto ben preciso,un tubo di seta con anelli in ferro,che le contesse veneziane portavano a letto collegando direttamente il didietro con la finestra,così quando avevano bisogno di fare scoregge non si alzavano dal letto, ma utilizzavano questo tubo per bisogno imminente.  
No ti si bon de far un ò col cul del got Incapace. Non sei capace di fare una O (lettera) nemmeno con il fondo del bicchiere, nel senso che non sei capace a fare niente.  
O    
ò el secer pien de goti Ho il lavello pieno di bicchieri  
ò e scarpe de curame ke me à costà un ocio dea testa Ho le scarpe di cuoio che mi costano molto  
Ogni mese se fa na luna, ogni dì se ne sente una.
Ogni giorno c'è una novità (espressione)  
Omo studioso,magro moroso. Un'uomo che studia molto,srà poco presente con la fidanzata.  
On sàc vodo no stà in pie Se non ci si nutre(mangia) si cade come un sacco...vuoto  
ò un maro de roba da stirar Ho tanta biancheria da stirare  
P    
Pa ciavàr un furbo,ghe vol un furbo e mezo. Per inbrogliare un persona scaltra,ce ne vuole quasi due.  
Par che  te manche a tera sotto i piè Sembra che ti manchi la terra sotto i piedi, nel senso che non sai cosa fare, dai l'impressione che ti manchi tutto.  
Pal coeombo passù e sarexe je amare. Quando si ha la pancia piena,qualsiasi cosa ha un gusto diverso dal relae. Ogni scusa è valida per trovare difetti.  
Pèso el tacon del buso (peso el tacon che'l buso) Peggio la toppa che il buco (riferito a situazioni che si vogliono tamponare ma che con un rattoppo si peggiorano)  
Pèzo el tacon del sbrègo "Il rattoppo è peggio della rottura" usato in senso lato quando si vuole indcare che la soluzione è peggiore del male.  
Pinpinèa. "Te sì 'na pinpinèa" Non vali niente. Vino rosè fatto con acqua e le bucce dell'uva dopo la pigiatura. Vino di poco valore, da cui il detto spregiativo.  
Portar aqua co e rece Si dice persona servile disposta a tutto pur di ottenere qualcosa o ringraziarsi qualcuno..pur di ottenere è disposto a portar aqua...  
Porta pazienza lè cascà dal caregòn col ciucio in boca Descrive una persona infantile come le sue battute o il suo attegiamento.  
Porzél. "Ti si come el Porzél de sant' Antonio"
 San Antonio "abate" è il protettore degli animali domestici ed il maiale che i parrocchiani allevavano per il parroco,  lo nominavano tale, in modo che, nel pellegrinare famiglia per famiglia il santo  vegliasse sull'animale per farlo crescere bene nonchè diventare tanto grasso  oltre a preservarlo dalle malattie.
Quando gli adulti incontravano un bambino,  ben cresciuto e pacioccone , (50-60 anni fa erano pochi) stringendo loro le guance con le dita lo apostrofavano con la seguente frase: "Ti si come el porzél de sant' Antonio " oppure "Ti si gras come el porzél de sant' Antonio".
 
Predicàr be ma razoeàr mal.. Altro è quello che si dice, altro è quello che si fa.  
Q    
     
R    
Rompa el carton dea panza Strappo inguinale o ernia inguinale  
Ragàr a saeàta raccogliere l'insalata lasciando la radice  
Rimproveri

Frasi che i genitori veneti dise ai so tosati:

1- fa l'ometto
2- ara che te taio i viveri
3- questo no xè n'albergo
4- desso ciamo to pare
5- va pian e fa presto
6- co tutti i schei che gavemo speso par farte studiar ...
7- xè parfin pecà voerte ben 
8- prega dio che no te ciapa
9- desso tiro fora ea savatta
10- ara che verxo el cassetto dei sciafoni
11- ti xè nato sul bombaso
12- vestio cussì ti me par un singano
13- ti xè diventà un bueo , magna de manco
14- mastega ben
15- come te gò fato te desfo
16- xè meio che ti scampi co tute e to gambe 
17- ti pol pianzer anca in greco , no te o compro
18- alza chi pie , no sta strasinarli 
19- vara che te riva na sinquina
20- ocio che te meto in coegio
21- ti xè drio far ea vita da Michelasso , magna bevi e no fa un casso
22- ti gà proprio da ciapar esempio dai pi stupidi ?
23- ti xè inutie come el paltan
24- vara el trio paloma
25- dei .... di calcossa che te giro ea testa
26- prova parlar se ti gà coragio
27- vardame co te parlo
28- va via prima che te copa
29- ti xè insemenio ?!
30- stame distante
31- ti gà capio cossa te gò dito ?
32- avite e man
33- ma i to amighi no gà na casa 
34- ma ti credi che fabrico schei ...
35- e gera cocacoa quea che ti gà vomità ?!? 
36- ti me par spirità 
37- se no ti fossi me fio te gavaria già copà
38- petitene chee sgrendene che ti ga in testa
39- no sta correr che te vien fame
40- Te dago na papina che te fasso magnare chii quattro denti che te ghè
41- vien su che ti te lavi
42- Ma i te ga batezà co l'acua dei folpi ?
43- magna e tasi
44- te ciapi un peadon che te sfìo
45- No te ciapo a tangare par no' impenirme 'le man de sc-ienze
46- va remengo ti e to pare
47- te dago un sciafon coa man reversa
48- Te ne dago a do a do finché e deventa dispari ..
49- Fermete, parche se te ciapo te ne dago de pi
50- Varda che se te te fa mal te dae anca al resto
51- Te tiro na sciafa che El muro te ne dà n'altra
52- ti ze tutto to pare
53- chià vaca de to mare che saria mi 
54- Vara che tache a s-ciafonèra 
55- Te vedarà che sotto qua no piove....!
56- Prega el to Dio de no vegnerme par man
57- moete fora, vien dentro
58- Te dago un peadon che te cresi de 10 schei
59- Te dae na pasada de coerte
60- Se no te va taiarte i cavei te i taio mi col faldin
61- Co che braghe la, no vae gnanca pompàr i campi
62- Varda che se venio lì e te o trovo te ho fasso magnar
63- Se meio che te ghea-moe si no te tiro na papina che te sento sora a toea
64- to santoa in carioa
65- te carico de bote
66- Fa come ca te voi
67- Svejete fora
68- A sii uno pezo de che l'altro
69- Te Dago finché so stufa
70- varda che te ciapo pà e raise del cueo
71- te mastego
72- vestite de più che ti ciapi ea morte
73- ti xè sensa dio
74- cambiate e mudande che se ti va in ospeal i dise che semo na fameja de onti
75- te dago na sc-iafa che ti giri in torno 
76- se te bronco ti ciapi na incalcada che ti tea ricordi fin che ti vivi 
77- ti si proprio fio de to pare
78- mi no te coro drio tanto ti me pasi visin
79- Usate svelto.....
magna , che ghe se tosatei in Africa che more de fame
80- Portame un quarto de ombra de campanie
81- Varda che passa la madona dela scopèla
82- A te ne dago tante, ma tante, finché me vien e fissighe soe man
83- Te dago tante de che peae da non farte sentar par na settimana
84- va remengo
85- ti gà un dio par conto tuo
86- te fico in letto coi calcagni par da drio
87- co na peada in cuo te fasso far tre giri del paeasso
88- te ne dago tante che dopo no i te riconosse più e i te aresta par vagabondaggio
89- Me pare par fin imposibie
90- Impara stare al mondo
100- Fiol ton can
101- co te ciapo te fasso sagiar el mestoeo
102- se no ti rivi in orario sti sta fora casa
103- Ara che se te caschi dall albaro e ti te rompi tutte do e gambe...dopo no sta corrar da mi pianzendo
104- se non ti ghia moi te metto a pan e acqua
105- mi a to età saltavo i fossi per ongo
106- Ma ti ga magna' ea merda de mago
107- Varda che gianissero che ti ze
108- ciò fantuin
109- Te destrigo ea musana
110- Ti me par fio de nissuni vestio cussì
111- ma cossa gheto al posto del serveo...segaura.....
112- te pari indormesa'
113- mi ala to età desfea na montagna
114- tie fata de pujna
115- Ti ze drio ciapar na bruta piega
116- vien qua che go el fero da stiro pronto
117- Vecio,Séra chiá porta te go dito
118- Che muso da pan comune
119- No sta fiar caigo
120- te vanto e te giro come un calsetto
121- Aea to età, voltavo eá casa col cuio in su,e ti no ti xe bon neanca de igarte e spighette
122- che ascaro che ti xè 
123- ti me par un pandoeo
124- dormi e no rompar i coioni
125- barda che te desfo
126- maedetta chea volta che te gò conossuo
127- ti xè indrio come ea coa del strusso
128- se no te va ben va a magnar in ristorante
129- te cavo ea pee e te a metto in man
130- stua ste luci che no gò amanti all enel
131- de boto ti te copavi
132- vara che impise ea sc-iafoneria
133- moighe de far malsesti
134- vien qua che te doparo
135- tira su chee braghe
136- se no ti magni ciapo el piato e te lo incapeo in testa
137- Ti vedarà to pare sta sera
138- no sta tirar el baon sul muro
139- ocio ae finestre col baon
140- querzete ea pansa
141- ti vedi sta man ? Xè ea sorea de staltra
142- svegite che xè primavera
143- no ti sa cossa far ? Mena da porta fin che ea sua
144- al son del baston baea anca l'orso
145- ogni frutto gà a so stagion
146- va a messa che ea Ciesa no te casca in testa
147- to Mare va-cantando
148- se fa prima metterlo in cuo che in testa 
149- varda i grassi corona , uno semo e staltro mona
150- cani ta morti sta fermo co chee man pien de dei
151- ara che se ti va vanti te speta e suore 
152- fasemo i conti casa .... Cussi almanco ti piansi par cualcossa
153- vara che te riva un lavadenti che te buto i denti in goa 
154- se te ciapo te fasso nova
155- va cagar su e suche
156- sinque schei de mona in scarsea no fa mai mal
157- fin che ti xè qua comando mi
158- co ti xè grando ti farà chel casso che ti vol, ma fin che ti xè sotto a me capea ti fa come digo mi
159- ti xè sempre in mexo come el zioba
160- na onta e na ponta
161- xè rivà ea contessa Sboroni
162- no cago miga schei
163- e xè durae da Nadal a Santo Stefano
164- bon go parlà co un simpio anca un quò

 
S    
S.Stin San Stino di Livenza (paese dell'entroterra Veneto Orientale)  
Sapa pian e spinsi g(u)aivo La continuità è produttiva  
Sa pì el mat casa sua che el savio casa de chealtri Sa più cose un folle che una persona normale  
Sbesòeon o sbesoin Uno che chiacchera un po troppo a sproposito  
Schincàr el penin Rompere la parte terminale della penna a inchiostro  
Se maridèa to zerman Si sposa tuo fratello  
Sempre ben no a pol'ndar,sempre mal no a pol durar! In ogn caso sia in bene che in male,ambedue le situazioni non possono durare.  
Se te piase a fìa,coltiva 'a mare Se ti piace una ragazza,per conquistarla entre nelle grazzie della madre.  
Siori se nase, ricchi se deventa L'animo nobile non si acquista con il denaro.  
Son a saeàta Sono a raccogliere l'inslata.  
Starnìr i vedèi Levare le interiora ai vitelli (o altro animale) appena macellato.  
Strucar a  zegoèa su i oci Far vedere una cosa per un'altra  
T    
Ta da passàr par i me campi... Modo di dire che sta per,prima o dopo arriva la resa dei conti.  
Ta l'ocio zaènc Hai la palpebra cadente a seguito notte insonne o bevute abbondanti.  
Te à èl cavaèot dee braghe che riva ai sgambitoi Hi il cavallo dei pantaloni che arrivano alle gambe  
Te à e intimèe che sa da moltrin Hai le federe (dei cuscini) che sanno di sudore  
Te dae un furigòt de pache,o un frack de pache. Picchiare con forza una persona "entrambe i modi di dire hanno lo stesso significato"  
Te à el barbùz tutt ont Hai il mento tutto sporco  
Te à i cavei pieni de pjoea Hai i capelli pieni di forfora  
Te à na testa da bater pài Hai una testa dura,indica solitamente una persona dura di comprendonio  
Te se un zùcon Sei uno zuccone  
Te a un mustic da papine Hai un viso da sberle  
Te a un mustic duro Hai un viso arrabbiato  
Te si indrìo come el cuc Il cuc cuculo (cuculus canorus) uccello dalle pessime abitudini ,come quella di deporre le proprie uova nei nidi altrui, dove il pulcino di cuculo nascendo prima degli altri distruggeva le altre uova e rimaneva l'unico ad esser nutrito. questo vero stronzo alato naturale fu eletto ad effige del rompiballe assoluto negli orologi cosidetti " a cucu' " inventati dallo svizzero Franz Ketterer nel 1738 nei quali un meccanismo di mantici e piccoli flauti di materiale ligneo riproduceva il verso del cuculo.
Portati a venezia dagli austriaci , quegli orologi, precisissimi nei climi asciutti della svizzera e d'austria, nell'umidita' di venezia persero di precisione, attardandosi. 
Da qui, dal canto tardivo del mezzogiorno , rispetto ai rintocchi della mezzana o nona (la campana di san marco che segna mezzogiorno) viene il detto 
 
Te si na frìtoea
<sei una persona che si lamenta di tutto>  
Te si nà friziga Dicesi di pappamolla piagnucoloso,senza spina dorsale....  
Te si nà mazoca o te à nà mazoca Testone  
Te si na pètoea Fastidioso,appiccicaticcio.....  
Te si na trapoea,un trapoeon Inaffidabile contaballe  
Te si un peagròso Dicesi di persona poco munifica, persona affetta da pellagra, malattia dovuta ad una  nutrizione monotona a base solo di polenta, priva di vitamina PP.  
Te si un (on) sust Essere pesante,insopportabile  
Te si un zavatòn Espressione che indica una persona che trascina le cibatte, un trasandato.  
Te si un zacoeòn Si dice persona sporca e trasandata,poco pulita  
Te si na zòcca Sta ad indicare una persona dura a comprendere, ottusa.  
Testa grassa,zervèl magro Testa grossa cervello fino  
Ti si drìo scrìva co a man zànca Stai scrivendo con la mano sbagliata (o maldestra o sinistra)  
Ti si drio magnar a minestra col sculier Stai mangiando la minestra con il cucchiaio  
Toni e Roni i fà i furmai, i furmai crepetea,Toni e Roni sciòpetea. Non c'è una vera traduzione, più o meno dovrebbe fare così; Antonio e fratello fanno i formaggi, i formaggi schioccano, Antonio e fratello fanno rumore. Filastrocca che veniva raccontata ai bambini per spiegare i tuoni del temporale.  
Tra èl dir èl far è de mezo el màr... Ovvio oltre che chiaro: tra il dire e il fare ci sta di mezzo il mare.  
U    
 Un capel ha sempre do piove Sarebbe a dire che prima o poi i conti torneranno  
Un'ora de sol, suga 'a strada Dopo un'ora la strada è asciutta.  
V    
"Va a sciòsi" o "Va a sciosèe" Lo diceva sempre mia nonna, quando qualcuno raccontava una storia strana o poco credibile. Credo sia un modo di dire tipo: "ma va là".  
Vae da rente Vado vicino  
Vaghe da rente Vai vicino  
Vecio come el cuc Vecchio come il cucco. Diffusa in tutta italia sebbene di pura fabbrica veneta e derivante dal nome del profeta Abacuc, leggendariamente vecchissimo. (l'e' vecio come el cuc, pensa che quando che noe' fea l'arca, lu ghe passea i ciodi)  
Volta fòra I contadini utilizzavano questa affermazione per far girare i buoi "a destra".  
Volta sciò I contadini utilizzavano questa affermazione per far girare i buoi "a sinistra".  
W    
X    
Y    
Z    
Ziògo dea pèndoea Gioco della pendola.  
  • Contribuisci anche tu alla creazione del Vernacolo dei modi di dire  aggiungendo un commento con il modo di dire che vuoi sugerire e il relativo significato, inseriremo il tuo nome e cognome nell'elenco degli autori!

Schei

Commenti  

+1 #69 Matteo 2017-12-29 23:11
Le a un tiro de sciop da qua = É qua vicino
#68 Matteo 2017-12-29 23:04
Te à na testa da bater pài = Hai una testa dura, indica solitamente una persona dura di comprendonio
+1 #67 Matteo 2017-12-29 22:37
Femene e bacaea pi che te e bati pi che e vien bone =
Donne e baccalà più le batti più son buone
#66 Lion 2014-09-30 16:50
a'a to' età saltee i fos par longo
= alla tua eta saltavo i fossi per lungo...cioè facevo cose quasi impossibili ( che manco immagini...)

situ de chi ti ?
= di chi sei tu? classica domanda posta dai vecchi del paese ai bambini che non conoscevano al fine di associarli ad un ceppo familiare.
#65 Lion 2014-09-30 16:45
te se un zùcon
= sei uno zuccone
#64 Lion 2014-09-30 16:41
péso el tacon del buso (peso el tacon che'l buso)

= peggio la toppa del buco (riferito a situazioni che si vogliono tamponare ma che con un rattoppo si peggiorano)

ho ciapà 'na spasemada...
= ho presa una paura vicino allo spasimo
#63 luciano 2014-01-19 12:34
:oops: :oops: e sol tardi che esce i moscardi sta a dire che alla sera escono i giovanotti in cerca di ....prede espressione dell'agro eracleense
#62 Giampietro 2013-12-19 21:26
Star su' co e rece... ovvero star bene attenti svegli
#61 luciano 2013-10-03 14:33
un capel ha sempre do piove :sarebbe a dire che prima o dopo i conti torneranno
#60 luciano 2013-07-25 07:22
:roll: man zanca ...a man zanca no parla mai co a destra : il massimo della incomprensione! !!!

l presente sito non costituisce testata giornalistica e la diffusione di materiale interno al sito non ha comunque carattere periodico ed è condizionata alla disponibilità del materiale stesso.
Copyright © 2010-2013 Passaparola Nel Veneto Orientale. Tutti i diritti riservati.