Giovedì, 07 Luglio 2011 07:27

Abolizione delle Province In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)
E’ vero che l’abbiamo capito da tempo che ci prendono per i fondelli senza ritegno, che perseguono interessi propri diversi da quelli della collettività con perseveranza e abilità superiori, che non hanno scrupoli, …. Ma vederselo sbattere in faccia in diretta o in differita fa sempre molto male, e non solo ai denti…..Abbiamo raggiunto vette difficilmente immaginabili anche dai più malfidenti come dei nostri “rappresentanti” che votano contro la soppressione delle province dopo aver chiesto il voto agli elettori promettendo esattamente il contrario... Non ci sono più parole!
Vediamo di passare dall’indignazione all’azione. Riprendiamo la raccolta firme e sommergiamoli di moduli per stabilire cosa vuole veramente il popolo,  “sovrano” solo quando fa comodo alla casta…
Chi è indignato al punto giusto si renda disponibile a diventare punto di raccolta di firme per la soppressione delle Province e si metta in contatto.

Il coordinatore
Lorenzo Furlan
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.aboliamoleprovince.it
Letto 9793 volte Ultima modifica il Lunedì, 11 Luglio 2011 20:33

Commenti  

#5 luciano 2011-07-22 07:15
a testimonianza di quanto lunga sia la strada per "bonificare" la Politica (P Maiuscola), ma questa non vuol essere nè una scusante nè l'affermazione che ...tanto non ci si può far niente... ho appreso che un sindaco di un Comune del Friuli (1500 abitanti) Regione a statuto speciale, confinante con un comune del Portogruarese, percepisce un gettone/indenni tà pari al Sindaco di Portogruaro 20.000 abitanti: è un piccolo particolare ma la dice lunga ...
A proposito le disquisizioni sulla fusione ...si sono arenate?
#4 Nich 2011-07-21 12:24
:-| !!!!!
#3 Luciano Pivetta 2011-07-21 09:56
Sono favorevolissimo all'abolizione delle Province, ma dobbiamo anche essere propositivi e saper chiedere una nuova organizzazione amministrativa del territorio nazionale. Perchè non si comincia, ad esempio, con l'accorpamento delle Regioni, creando il Triveneto, ed eliminando i Comuni sotto i 10.000 abitanti, oltre a tutte le strutture poltronifiche intermedie, quali i GAL, le Conferenze locali, gli Ambiti territoriali, ecc.? Ridisegnando perciò anche i nuovi ambiti territoriali dei Comuni, che risalgono ancora all'epoca di Napoleone! Su questi obiettivi sono disposto ad agire subito. Ciao a tutti. Luciano Pivetta
+1 #2 Luisa Codato 2011-07-20 21:24
Oltre l'indignazione per il voto sulle province, io sono arrabbiatissima per il voto sul Testamento Biologico. Se fosse possibile darci una mano per organizzare un movimento che vada contro questa schifosissima Legge, creando le premesse per una grossa manifestazione ed un eventuale referendum
Grazie Luisa Codato
#1 giuseppe muzzupappa 2011-07-20 21:11
Il popolo ha la possibilità di mandare a casa tutta la casta.dobbiamo dare un'alternativa .La soluzione migliore in questo momento sono le liste civiche e le battaglie su argomenti seri che toccano tutti.Diamo un segnale forte per l'abolizione delle province ,evitando di appoggiare chi intende mantenerle,in primis la lega.

l presente sito non costituisce testata giornalistica e la diffusione di materiale interno al sito non ha comunque carattere periodico ed è condizionata alla disponibilità del materiale stesso.
Copyright © 2010-2013 Passaparola Nel Veneto Orientale. Tutti i diritti riservati.