Domenica, 01 Aprile 2012 20:47

Lettera del dr. Crotti ai Signori Sindaci dei Comuni interessati alla sicurezza idraulica del territorio tra Padova e Venezia

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Lettera del dr. Crotti ai Signori Sindaci dei Comuni interessati alla sicurezza idraulica del territorio tra Padova e Venezia,  ovvero al completamento dell'idrovia Padova-Mare.

Egr. Signori

La pagina della Difesa del Popolo (cliccare qui) riporta con favore la notizia che la Giunta regionale ha affidato a una imprecisata impresa l?incarico di redigere un progetto preliminare per completare il canale  Padova-Mare.

Di questa decisione sono almeno 4  gli aspetti che ci appaiono equivoci, se non devianti dai nostri obiettivi.

 

Il primo : perché la Giunta non ha voluto attendere le conclusioni del bando per lo studio fattibilità idrovia, deciso e finanziato con 200.000 euro, nella legge Finanziaria regionale del 2011.  Perché non si ha notizia del vincitore ?   Chi ha incassato quei soldi ?

Il secondo :   Perché saltare a piè pari questa preliminare e fondamentale fase ?  Perché l?ass. Conte ha atteso fino al 30 settembre 2011 prima di lanciare il bando sulla fattibilità e poi pur avendo concesso solo due mesi per ricevere i progetti  (30 novembre), a distanza di 4 mesi dalla chiusura dei termini , la commissione da lui nominata non ha concluso i suoi lavori  ?

Il terzo : Perché non viene dichiarato a quanto ammonta la spesa per il ?nuovo? progetto preliminare ?

Il quarto : perché Conte, a leggere la pagina allegata, parla di ?scolmatore? e non più di ?canale navigabile? ?

A nostro avviso c?è una sola spiegazione.

I progetti raccolti sullo studio fattibilità devono aver dimostrato che NON c?è lo spazio fisico per costruire canale navigabile e camionabile. Non volendo ammetterlo pubblicamente, la Giunta regionale non ha motivo per concludere l?iter del bando e quindi preferisce tornare, come nulla fosse, al progetto iniziale : uno scolmatore (inadeguato) affianco a una camionabile.

Per farlo non ha bisogno di pagarne un nuovo, le basta riciclare o adattare quello vecchio. Non è quindi necessario che Zaia trovi e stanzi nuove risorse.

Cari Sindaci e care Associazioni di Alluvionati, state toccando con mano gli effetti di un passo politico-amministrativo che la Giunta regionale si è sempre rifiutata di considerare : rifare il PTRC  (Piano Territoriale Reg. di Coordinamento), ovvero la programmazione del territorio nei prossimi decenni, già adottato del giugno 2009 , ma MAI approvato in via definitiva.

Che la sua revisione sia un atto politico-amministrativo è a nostro avviso inevitabile.

Nel documento attuale mancano opere oggi considerate fondamentali : il Terminal off shore (TOS), i bacini di laminazione delle acque a ridosso della Pedemontana?.. la stessa idrovia , come pure  l?adeguamento al fluvio-marittimo di tutti i canali interni alla pianura padana.

Che senso ha voler mantenere una programmazione escludendoli ? Se il TOS si può raggiungere solo con battelli, non andrebbero privilegiati i canali , invece che le autostrade ?  In cuor nostro sappiamo tutti che queste opere idrauliche saranno il vero volano per la ripresa per questa parte del Paese.  Perché conservare le vecchie idee ?

Per queste ragioni raccomandiamo caldamente a tutti i Consigli Comunali interessati di riformulare un nuovo testo da inviare alla Regione.  Non basta più il completamento del canale navigabile, occorre  si ponga finalmente mano al PTRC.   Insistere subdolamente per la sua ?conservazione?, come sta facendo qualcuno nella maggioranza che guida la Regione, può solo danneggiarvi : non solo sul piano idraulico ma anche su quello ambientale, urbanistico e occupazionale.

Gli interessi economici dei gruppi, che quel manipolo di politici da decenni difende, non sono più sostenibili e compatibili con quelli della nostra comunità.

OCCORRE UN NUOVA DELIBERA COMUNALE DA MANDARE A ZAIA e noi proveremo a suggerire il testo base di una.

Grazie dell?attenzione e buon lavoro

C. Crotti (presidente) ASS.  SALVAGUARDIA IDRAULICA DEL TERRITORIO PADOVANO E VENEZIANO

 

I

 

Letto 45257 volte Ultima modifica il Lunedì, 02 Aprile 2012 06:35

l presente sito non costituisce testata giornalistica e la diffusione di materiale interno al sito non ha comunque carattere periodico ed è condizionata alla disponibilità del materiale stesso.
Copyright © 2010-2013 Passaparola Nel Veneto Orientale. Tutti i diritti riservati.